Happy Birthday Tim Burton!

E’ uno dei miei registi preferiti. E’ geniale. E oggi compie 56 anni. E ci sono un sacco di ragioni per cui mi piace molto.

Perché è uno che è fuori da ogni possibile collocazione.

Perché è uno che se ne frega di piacere a tutti i costi al proprio pubblico, tanto da attirarsi le critiche di chi, ogni volta che esce un film, dice che è “poco burtoniano”!!  La libertà di un artista sta anche nel raccontare ciò che sente, indipendentemente da cosa si aspetta il pubblico o, ancora peggio, i produttori o le case cinematografiche.

Perché ha raccontato la pazzia dal punto di vista del pazzo e non di chi lo giudica tale perché “Ciò che per qualcuno è pazzia, per altri è realtà”.

Perché solo lui poteva stare con Helena Bonham Carter, attrice perfetta per i ruoli burtoniani, pazza abbastanza da accettare di essere trasfigurata e trasformata e che viene sistematicamente uccisa dal migliore amico di Burton, Johnny Depp. (Se non è geniale questo!)

Perché ha chiamato Johnny Depp per interpretare alcuni dei suoi personaggi migliori, quasi che i due fossero sincronizzati nello stesso strampalato ma meraviglioso modo di vedere le cose.

Perché riesce a far poesia con un bambino con i chiodi infilzati negli occhi, con una sposa cadavere che ha un verme al posto del cervello, con scheletri, cani morti riportati in vita e tutto il corollario di ciò che è classificato come “horror” solo per chi non va oltre le sue paure.

Perché ha macinato tantissimo cinema, visto di tutto, amato i film cosidetti “B-movie”, i film di Mario Bava e Federico Fellini, ha studiato i maestri dei primi effetti speciali come Ray Harryhausen creatore della tecnica di animazione definita stop motion.

Perché anche nei film meno riusciti riesce sempre a creare qualcosa di unico, come in Alice in Wonderland, film molto criticato per il troppo uso del green screen e di effetti visivi digitali. E’ stato criticato il cappellaio matto ritenuto “troppo matto” e assurdo. Il succo è racchiuso tutto in questa frase tratta dal film “Alice, non si vive per accontentare gli altri. La scelta deve essere solo tua. Perché quando andrai ad affrontare quella creatura, ci dovrai andare da sola.”.

Perché solo uno che non ama i musical è riuscito a fare un capolavoro di musical con Sweeney Todd. So che molti non sono d’accordo perché lo ritengono poco burtoniano come film. Io rispondo “chissenfrega”. Io ci vedo tutta la poetica di Burton in ogni singola sequenza. Problemi vostri se non la vedete.

Perché mi fa ridere con spiritelli porcelli disgustosi, vampiri assetati di sangue, cattivi grotteschi, personaggi improbabili.

Ci sarebbero un sacco di altri perché ma rischierei di non finire più questo post. Ne aggiungo solo uno, quello che più di tutti mi fa amare questo artista. Perché solo uno come Tim Burton poteva raccontare il suo amore per il cinema attraverso un personaggio come Ed Wood , regista di film di serie Z, dal talento inesistente, ma dal profondo e sincero amore per il cinema e il raccontare storie. Ancora un personaggio borderline, un fallito, un uomo senza qualità. Uno dei film migliori di Burton e per questo poco conosciuto. E in questa scena che vi propongo, c’è tutto l’amore di Burton per il cinema e per il lavoro di regista. La scena vede Ed Wood che incontra Orson Welles, di cui è fan. L’incontro in realtà non è mai avvenuto, ma Burton usa questo espediente, per dire una cosa importante, attraverso le parole di Orson Welles, che alla fine del dialogo improbabile dice :” L’immaginazione è quello per cui lottiamo. Perché spendere la propria vita per realizzare il sogno di qualcun altro?” .

Buon Compleanno Tim Burton!

 

 

Annunci