Maleficent: aridateme i soldi del biglietto!!!!

Se mi dite che questo film è stato pensato apposta per far fare ad Angelina Jolie la bella statuina e promuovere la nuova linea di make up in stile Maleficent, allora, forse, posso accettarlo come una bella pubblicità di rossetti e ombretti “malefici”. Se invece me lo spacciate per un vero film non ci siamo. E non perché la storia della bella addormentata sia rivisitata. A me neanche mi entusiasmava più di tanto l’originale, visto che le  principesse belle bionde e occhi azzurri, tutte brave e buone sinceramente non mi hanno mai impazzire. La rivisitazione ci può stare, ma per farla la devi sapere scrivere. E quando decidi di riscriverla devi capire che un personaggio che si chiama Malefica non può essere proprio una personcina tutta fatina svolazzante del bosco con le corna, due ali inquietanti ma tanto in armonia con la natura! Se c’è una cosa che la Disney sapeva fare bene, anche negli anni delle principessine zuccherose, era contrapporre un villain con i controfiocchi! E la Maleficent del cartone era bellissima, con quel suo disegno stilizzato imponente e sontuoso, espressione del male puro che alla fine si autodistrugge nella sua stessa furia malefica! Ho capito che in questo film volevate raccontare che in ogni essere umano e c’è il bene e il male e che sta ad ognuno la scelta. Ma lo devi saper raccontare e a meno che non sei Tim Burton che ha il pallino di raccontare cosa c’è dietro ogni azione violenta e malvagia, ti viene fuori una scopiazzatura melensa e poco credibile. A quanto pare era stato proposto a Burton di fare la regia, ma si sa che ormai con la Disney lui si trova nella posizione di mandarceli, se poco poco vede che il progetto non vale una cicca. E se questa è stata la dinamica, ha avuto ragione da vendere. Il perché è presto detto. La Maleficent del film è dipinta come una che in fondo era buona poi a causa di un tradimento diventa cattiva e vendicativa (e fin qui magari ci può stare, anche se ripeto, una che si chiama Maleficent qualche problemino dovrebbe avercelo… comunque). Dopodiché la favola prende una piega in stile film americano dove il cattivo incontra un bimbo e diventa buono e riscopre pure il lato materno (e si sa che con la Jolie caschi bene visto quanta maternità gira attorno a lei e al marito!). Insomma alla fine è lei che diventa buona che combatte contro i buoni che diventano cattivi e vissero tutti felici e contenti. Il principe fa la figura del fesso (vabbè questo può anche andare visto che di principi azzurri ne abbiamo le tasche piene!), Aurora è sempre inutilmente entusiasta (va bene che ha ricevuto il dono di essere sempre felice però ti viene da augurarle di pungersi al più presto, solo per non vederla più così entusiasta sempre e comunque!) e Angelina Jolie è una statua, bellissima, ma una statua, con guizzi alla Lara Croft e mise alla Catwoman. Io ancora devo vedere un film dove la Jolie abbia un’espressione diversa dal broncio/sguardo che ammalia fisso. (Ok, ho visto solo due film con lei, uno questo qui, l’altro The Tourist, uno dei film più brutti nella storia del cinema, dove lei aveva più o meno le stesse espressioni però con meravigliosi abiti di Colleen Atwood!) D’altronde non è che mi vengano in mente opere memorabili, a parte le copertine da perfetta coppia con Brad Pitt e le sue innumerevoli gravidanze, o il suo matrimonio con Billy Bob Thorton sugellato da patti di sangue vari! Insomma un personaggione  figlia di Jon Voight ,che ha fatto più notizia per i suoi problemi psichici, per le sue scelte rispettabilissime riguardo la sua salute, che per la sua carriera di attrice.

Insomma, se alla fine lo scopo era quello di farci vedere che anche i peggiori cattivi possono essere buoni, gli è andata male. Il villain per antonomasia è colui che nella sua psicopatia vede la sua visione del mondo come unica possibile, gli altri intralciano il suo cammino e vanno eliminati e per questo sono disposti all’autodistruzione pur di vedere distrutto quello che loro individuano come nemico. Uno psicopatico non si lascia mica deviare dal suo progetto da una biondina che ride tutto il tempo!

Io Maleficent preferisco ricordarla così con la sua voce tremenda e profonda e la sua risata malefica appunto! E la sua elegante cattiveria quando racconta al principe la fine che farà prendendolo per i fondelli!